La redazione di Be Urself CHIUDE. Il sito resta consultabile agli utenti. Ultimo aggiornamento gennaio 2013. Grazie a tutti.
Numero di uscita: 42 | mercoledì 9 gennaio 2013

BEURSELF.com

Home ! Che roba è? ! Collaboratori ! Blog ! Podcast/TV ! Newsletter ! Contatti ! RSS
Commenta

Commentare non costa niente, è gratis e stimola il confronto.
Mettiti in gioco... se hai coraggio!

Codice immagine Nuovo codice
newsletter

 Servizio

Manipolazioni eterogenee

Recensione Drunken Instrument Corporation - Diary 1998 - 2011
a cura di Maurizio Griglio
Condividi questo articolo con i tuoi amici:
MAG 14 2012

Il disco che proponiamo questa volta non si tratta di un album vero e proprio, ma di una raccolta, come da titolo, un diario di brani scritti tra il 1998 ed il 2011 dai Drunken Instrument Corporation, one man band davvero interessante.

Il genere di questo progetto è davvero eterogeneo, ci finisce dentro di tutto: shoegaze, synth pop anni ‘80, rock... insomma, un bel calderone!

Il brano che apre la raccolta è "The Runner" e devo dire che mi ha lasciato a bocca spalancata, semplicemente splendido, delicato e malinconico. Segue "Space Karaoke", interessante commistione tra i My Bloody Valentine e qualcosa dei primi Verdena.
Scorrendo avanti si arriva a "Washed + Confused", brano più rock nei contenuti musicali, ma reso efficace ed interessante dall’uso di filtri vocali. Segue "I love your eyes", nuovamente condizionato dallo shoegaze dei My Bloody Valentine. La strumentale "The Forest", dalle atmosfere tristi e delicate apre a "Honey", altro brano stumentale caratterizzato dalla sapiente manipolazione di filtri. Si arriva ad "Andromeda (2nd Stage)", atmosfere ottantiane e synth pop in stile Eurythmics. L’intermezzo "This day in ending", un intermezzo, più che una song vera e propria, dai forti richiami ai Beatles, in particolar modo nell’intreccio delle linee vocali.

Insomma, una rapida carrellata su questo lavoro che risulta, nel suo complesso, davvero interessante e completo. Un viaggio nell’anima dell’artista, un’anima dalle molteplici facce e colori.

Una grossa pecca è rappresentata dalla produzione, davvero scarna, ma come ha voluto precisare l’autore, tutto il materiale è stato registrato nel suo studio di casa e per questo motivo chiuderemo un occhio.

Si possono avere maggiori informazioni del progetto sul myspace della band.

Se siete amanti dell’arte, non potete perdervi questo lavoro, in quanto è Arte.

Tracklist:
1 The Runner
2 Space Karaoke
3 I Need You
4 Ping vs Pong
5 Aaaahhhh
6 Washed + Confused
7 Crystal Castle
8 I Love your eyes
9 The Forest
10 Honey
11 A Tale from the snow
12 One rainy day in autumn
13 Andromeda (2nd Stage)
14 Little Angel
15 When the sun crosses the window
16 This day in ending
17 Transistor Bridge

Ascolti Consigliati:
The Runnes
Washed + Confused
Ping vs Pong

booking
EdisonBoxEdisonBox
Grandiosa bookingGrandiosa booking
I dischi dell'amico immaginarioI dischi dell'amico immag
Musicalista s.n.c.Musicalista s.n.c.
Suoni d'AutoreSuoni d'Autore
Cerca nel sito